Champagne Jean Plener

7 generazioni di viticoltori

Maud, 36 anni, è la settima generazione di viticoltori della famiglia Plener Suo padre Jean-François esce regolarmente dalla pensione per dare una mano e la sua opinione!

Nel 19° Secolo , il nostro antenato Jean-Paul Rémy si avviò come viticoltore. All’inizio del 20° secolo, sua nipote sposò Jean Plener .

Jeanplener Jean Plener, 4a generazione

Insieme, hanno formato la 4a generazione di viticoltori della famiglia. Ebbero un figlio, chiamato Jean come vuole la tradizione di famiglia, che divenne il generazione. Questo Jean è il nonno di Maud. È stato lui a decidere di andare avanti e ha iniziato a sviluppare il proprio champagne. Fu lui a scavare la cantina sotto casa nostra. Un altro segno della sua modernità: ha chiamato suo figlio Jean-François, e non solo “Jean”! Entrambi, però, mantennero il nome “Jean Plener Fils” per la loro produzione, nome che continua ancora oggi. Negli anni ’70 Jean-François trascorse molti mesi in Borgogna per studiare enologia, dimostrando così di aver ereditato il gene della modernità. Jean-François aveva 3 figlie, quindi niente “Jean”, ed è con la maggiore che l’avventura continua oggi nel 21° secolo .

Prima di tornare a Bouzy nel 2013, Maud si è fatta strada lungo percorsi paralleli, studiando scienze politiche e diritto del vino. Ha lavorato per 10 anni per la Confederazione Europea dei Vignaioli Indipendenti, difendendo e promuovendo i “piccoli viticoltori” con le istituzioni europee. Questa esperienza gli ha dato un’ottima conoscenza di tutti i vigneti d’Europa e dei disciplinari vitivinicoli. Ma questo non basta per produrre Champagne, ancor meno quando si tratta di produrre Champagne Jean Plener Fils. Così Maud si è formata per 2 anni al Lycée Viticole d’Avize, in Champagne, e ha lavorato a stretto contatto con suo padre prima che si prendesse un meritato pensionamento.

maudetjfplenerMaud e Jean-François Plener, figlia e padre

Questa eredità del 19° secolo è una possibilità: da un Jean all’altro, abbiamo ereditato la migliore conoscenza possibile di ciascuna delle nostre piante di vite, di ogni sfumatura del terroir Bouzy, di ogni angolo della nostra cantina. E l’ottava generazione sfrutta i meravigliosi parchi giochi della cantina e delle vigne. Storia da seguire!

Una filosofia: lavorare per il meglio

Da 7 generazioni la nostra filosofia è quella di lavorare per il meglio: gestiamo il vigneto e l’azienda in modo sostenibile per garantire che ogni bottiglia sia la migliore.
Questa gestione sostenibile è globale: sin dall’inizio si pensa prima di tutto alla qualità, quando si scelgono ad esempio i cloni varietali. Ogni azione che intraprendiamo, ogni scelta che facciamo, dalla potatura delle viti all’etichettatura delle bottiglie, è pensata in modo da garantire la qualità dei nostri prodotti e il rispetto dell’ambiente.

Durante la vendemmia, ad esempio, ospitiamo la nostra squadra di 25 raccoglitori. Alcuni di loro vengono da noi da oltre 30 anni.

In vigna seguiamo le regole della lotta integrata e della viticoltura sostenibile: accettiamo una quota di rischio nelle nostre decisioni di utilizzare ( o meno ) i fitofarmaci. Rispettiamo e incoraggiamo la biodiversità. La maggior parte dei nostri appezzamenti sono inerbiti per ridurre al minimo l’uso di diserbanti e favoriamo la lavorazione meccanica.

 

Nella vinificazione, seguiamo le orme del nostro antenato di 4a generazione Jean Plener, che ha unito le forze con quelle di altri cinque viticoltori Bouzy. Insieme hanno costruito una pressa e una sala tini, per condividere i costi e investire nelle migliori attrezzature. Facciamo lo stesso: il team di pronipoti dei fondatori continua a mettere insieme tempo, risorse e competenze per la migliore qualità. Lavoriamo con strumenti moderni e di qualità (presse, pompe, serbatoi ecc). Unitamente alla qualità della nostra materia prima, le prestazioni di questi strumenti ci consentono di far sviluppare i nostri vini nel modo più naturale possibile.

Lo champagne trae la sua reputazione dalla sua consistenza. Lo Champagne è il frutto di un blend di diversi vitigni, di diverse annate.

Quello che facciamo, in Jean PLENER Fils, è garantire che ogni bottiglia sia la migliore. Ciò significa che non possiamo fare più di un montaggio, il migliore. Questo vincolo creativo, che ci imponiamo quando sviluppiamo la nostra miscela, ci spinge all’intransigenza. Nessun compromesso, nessuna scelta predefinita è possibile. La nostra miscela, la nostra firma, deve essere la quintessenza di ciò che possiamo produrre. Niente “basic”, niente “premium”: un blend, il nostro Champagne.

Gli aromi più delicati ed espressivi dello Champagne nascono durante l’affinamento sui lieviti dopo la presa di spuma. Conserviamo il nostro Champagne Brut per 4 anni nella nostra cantina, mentre il Cuvée Réservée Brut migliora con noi per almeno 5-6 anni. Offriamo un dosaggio semisecco. E questo è tutto. Niente vetrinistica, solo il meglio.

Hai bisogno di aiuto? chatta con noi